Il team dello Studio Tecnico APprojects risponde a qualche domanda

intervista geometra Milano

Sono stati dei mesi particolari, abbiamo dovuto rivedere le procedure di lavoro e di gestione dei cantieri, abbiamo modificato le modalità con cui incontriamo clienti e collaboratori grazie all’uso delle tecnologie digitali.
Oggi, con questo articolo vogliamo raccontarvi come stiamo continuando a lavorare nella massima sicurezza, vogliamo inoltre sensibilizzare le imprese e non solo a rispettare, oggi più che mai, le misure anti-contagio.

“Vogliamo essere un punto di riferimento e di supporto per i nostri clienti e collaboratori. Crediamo che il nostro ruolo di coordinamento, soprattutto in un momento di emergenza come questo, sia sempre più importante per garantire il rispetto del protocollo e la salute dei lavoratori e clienti. ”

[Salvatore & Michele, i professionisti dello Studio Tecnico APprojects]


D. Il vostro lavoro presuppone una presenza fisica in cantiere: come riuscite a fare rispettare a tutti gli operatori le norme anti-contagio?
S. & M. Non è obbligatorio essere sempre presenti in cantiere, ma è nostro dovere essere presenti nei momenti di criticità delle lavorazioni e delle interferenze per limitare il più possibile i rischi.
Per quanto riguarda il rispetto delle norme anti-contagio, prima di tutto ci siamo formati, abbiamo svolto delle ore di formazione, successivamente organizzato riunioni di coordinamento (rigorosamente in videoconferenze per evitare assembramenti) con tutte le imprese per ogni singolo cantiere seguito per trasmettere le procedure da rispettare per poter lavorare in massima sicurezza sui cantieri.
Il primo giorno di apertura del cantiere, in loco, eravamo presenti per affiancamento e verifica, con l’impresa affidataria/esecutrice, delle procedure e del rispetto di tutte le misure previste dal protocollo anti-contagio quale parte integrante del PSC, ovviamente nel rispetto del DPCM.

D. La figura del geometra sta sempre più diventando un anello centrale di collegamento fra chi sta sul cantiere e il committente: pensi che questa situazione sia in grado di consolidare sempre più il ruolo strategico della vostra professione?
S. & M. Certamente! Il committente ha quasi sempre un’informazione di base, da cittadino e non da operatore del settore. Oggi la figura del coordinatore della sicurezza è più che mai importante e diventerà sempre più necessario pianificare le lavorazioni per garantire il distanziamento sociale e vigilare sui comportamenti all’interno e all’esterno del cantiere.

D. Come gli strumenti digitali vi stanno aiutando nell’ultimo periodo?
S. & M. Gli strumenti digitali si sono rivelati davvero importanti. Il nostro Studio Tecnico era già organizzato per avere tutti i progetti, documenti in cloud. Da sempre crediamo che l’organizzazione e la corretta gestione del lavoro sia la base per un’ottima riuscita dei progetti. Abbiamo perciò continuato a lavorare con le consolidate modalità di gestione in cloud affiancando la possibilità di fare videoconferenze con clienti e collaboratori permettendoci così di limitare gli spostamenti e assembramenti.

D. La sicurezza era un asset strategico prima, nella situazione attuale è un prerequisito fondamentale: quale consiglio volete dare a chi vuole aprire un cantiere in questi mesi?
S. & M. La base è sicuramente FORMAZIONE (la formazione deve essere costante e puntuale soprattutto in questo momento) ed INFORMAZIONE principalmente sui protocolli anti-contagio da adottare. È sempre importante essere informato sulle procedure da adottare in cantiere ma ancora di più è necessario che le informazioni siano puntuali e corrette. Come coordinatori di cantiere ricopriamo un ruolo strategico e siamo il punto di riferimento non solo dell’impresa ma anche del cliente che si è affidato a noi. L’importante è affidarsi a fonti autorevoli e trasmettere in modo chiaro le informazioni. Altro consiglio che vogliamo dare in questo momento è quello di sensibilizzare le imprese al rispetto delle procedure: utilizzo dei corretti DPI, distanziamento sociale, ed altri accorgimenti oggi diventano più che mai importanti.