Cappotto termico: cos’è e come funziona?

Rivestimento cappotto termico

Vista anche la tendenza a realizzare case attente al risparmio energetico, o se stai pensando di ristrutturare la tua casa, ti sarà probabilmente capitato di aver sentito parlare di cappotto termico.
Ma cos’è nello specifico il cappotto termico? E come funziona? In questo articolo useremo la nostra esperienza nel settore delle ristrutturazioni per spiegarti in modo semplice questo tema.

Indice dei contenuti:

  1. Cappotto termico: cos’è?
  2. Cappotto interno o esterno
  3. Quanto costa il cappotto termico?

Cappotto termico: cos’è?

Il cappotto termico, detto anche isolamento a cappotto, è costituito da una serie di strati isolanti applicati all’interno o all’esterno di un edificio per migliorarne le prestazioni isolanti, principalmente termiche ma anche acustiche.

Perché è importante avere un buon cappotto termico? Perché la dispersione di calore degli edifici è uno dei principali nemici del risparmio energetico. Un edificio non ben isolato, infatti, richiederà un maggior riscaldamento perché buona parte del calore prodotto verrà disperso e lo stesso vale per il raffrescamento, nel caso in cui sia installato anche questa tipologia di impianto.
Aumentando il livello di isolamento della casa grazie ad uno strato “aggiuntivo” si ha quindi un risparmio energetico, con vantaggi economici ed ambientali.
Ma in pratica di cosa stiamo parlando? L’isolamento a cappotto è costituito da una serie di elementi edili prefabbricati che vengono applicati direttamente sulla parete (interna o esterna). Generalmente viene applicato un adesivo, successivamente il materiale isolante, i fissaggi, il rivestimento di base, un rinforzo e infine il rivestimento finale.

Cappotto interno o esterno

Il cappotto termico può essere installato sia sulle pareti interne che su quelle esterne, si parla quindi di cappotto termico interno oppure di cappotto termico esterno.
Il cappotto termico interno presenta sicuramente costi inferiori ma va a incidere sulla cubatura della casa, poiché applicando uno strato ulteriore alle pareti diminuisce la dimensione delle stanze.
Il cappotto termico esterno ha un costo superiore ma non va a inficiare cubatura della casa. Il nostro consiglio, qualora non ci siano limiti di budget, è quello di optare per il rivestimento a cappotto esterno.
Questo ovviamente parlando in linea teorica e generale. Per decidere quale tipologia di intervento fare è sempre bene effettuare un’accurata analisi del caso specifico e degli elementi specifici.

Quanto costa il cappotto termico?

Giusto per darvi un’idea dell’investimento che richiede la realizzazione di un cappotto termico abbiamo pensato di lasciarvi qualche prezzo. Sono ovviamente prezzi indicativi e di massima ma che vi danno un ordine di grandezza.
Questo perché ci sono moltissime variabili che concorrono a stabilire il prezzo di un cappotto termico come ad esempio la tipologia di materiale utilizzato, lo spessore del materiale isolante e il costo della manodopera.

In linea generale possiamo calcolare:

  • Materiali: per i materiali sintetici possiamo calcolare 20€ al metro quadro. I materiali naturali di origine minerale costano 30-40€ al metro quadro. Infine i materiali naturali hanno un costo tra i 40 e gli 80€ al metro quadro.
  • Manodopera: il costo può avere variazioni anche importanti in base alla località ma diciamo che generalmente il costo della manodopera va da 25 a 50€ al metro quadro.
  • Ponteggi: anche questo è un costo da tenere in considerazione, anche perché può incidere in modo considerevole sul costo finale. Il prezzo per l’installazione ed il noleggio di ponteggi è intorno agli 8-10€ al metro quadro.

Speriamo con questa piccola guida di avervi aiutati a capire un po’ di più il mondo dei cappotti termici. Se volete capire quale sia il miglior rivestimento a cappotto per le vostre esigenze e affidarvi ad uno studio tecnico specializzato in ristrutturazione.